Posts tagged ‘estate’

settembre 12, 2012

Diario dell’estate

Vacanze fatte:
Tre, tiè! Alla faccia della crisi e dei campeggi a 18 euro con zero servizi. Viva le vacanze a luglio, gli amici con le case, i centri sociali che organizzano campeggi a prezzi accettabili. Viva le vacanze a settembre ma soprattutto viva il mar mediterraneo su tutte le coste.

Curriculum inviati:
più o meno 200, agosto a Roma serve sempre a qualcosa.

Domande per borse o master:
Due, così tanto per passare agosto a Roma.

Domande di dottorato:
Una, sempre la solita in stand-by.

Richieste di informazioni:
Qualche centinaia di migliaia.

Risposte ricevute alle richieste di info:
Praticamente zero erano tutti fuori per le vacanze.

Risposte ricevute per i curriculum:
La maggior parte senza risposta, alcuni con risposta negativa.
Ma per la prima volta nella mia vita ho ricevuto DUE risposte positive per dei curriculum inviati! Quasi non ci volevo credere.
Dopo il primo schock iniziale, sono riuscita a riprendermi ed affrontare le interviste telefoniche.
Primo stage: il luogo era l’ultima regione della Germania al confine con la Danimarca… ma insomma sempre a me chiamano per il profondo Nord! Lo stage offriva solo l’alloggio e nessun rimborso spese. E’ stato facile dire di NO. Ma perché li chiamano stage e non volontariato!
Secondo stage: il luogo era finalmente Brussels, la tanto ricercata capitale Europea. Dove si spera di avere una convenzione di stage a standard europei, o almeno che permetta di mangiare-dormire-vestire.
Invece il mio sogno europeo si è subito infranto con la dura realtà: 330 euro al mese per un lavoro full-time! Per lo meno anche il mio intervistatore non ha avuto il coraggio di chiamarlo salario, ma ha parlato solo di rimborso spese. In ogni caso non ho passato la selezione… ma non so come mai non mi dispiace poi così tanto!!!

Letture estive:
Dear Applicant,
Thank you for applying for a position at XXX. We are writing to inform you that having given your application our full consideration, you have not been successful on this occasion. We did receive an unusually high number of applicants for this position, which is why it has taken longer than normal to process your application.
I would like to wish you every success in your future endeavours and encourage you to keep an eye on the XXX website for future job postings. We will keep your CV on record and should we have a future opening that we think may be suited to you, we’ll be in touch.
Kind regards,
Dear,
We would like to take this opportunity to thank you for your interest in the position of XXX Assistant in our Brussels Office. Our search committee has completed its review of qualified candidates and we regret to inform you that you have not been selected as a finalist for this position.
We appreciate your interest and want to thank you for your time spent preparing application materials and we wish you success in pursuit of your career goals.
Best wishes
Dear Ms. Vanebix,
Please excuse me for the late reply: the selection process took longer than planned.
Thank you for your time over the phone for the interview on August 22nd.
In spite of your motivation for the internship and of your interesting academic background and work experience, I am sorry to say that you haven’t been selected for the internship.
I wish you all the best in your search for a suitable position,
Kind regards
Dear Vanebix,
We are writing to you concerning your application for the XXX. We would like to thank you both for your interest and for the time you devoted in applying. We indeed, appreciated your skills and your motivation for joining that project of ours! Although we were expecting to respond earlier to you we have received so many applications that we were really busy in reading these in the most thorough and careful way.
Unfortunately, despite your passion and your willingness to join the project, your application was not successful. However, this does not mean that your application was not worthy. At that specific time we just consider that some applicants are fitting more to what we are looking for this project.
As you probably know, being accepted in an XXX position is a difficult task, mainly because of the number of people applying for the same vacancy.
We hope that you will keep up searching and we wish you find soon a project fulfilling your dreams!
Kindest regards

 

 

agosto 5, 2012

Fuck Bikini

Ed ecco che arriva l’estate…
Con l’estate il caldo, con il caldo il mare.
E con il mare i costumi!
Se c’è una cosa che odio sono i costumi da bagno.
Ora mi chiedo ma perché se i reggiseni – Tutti – hanno le spalline che passano sulle spalle (si chiamano così per evidente motivo), i costumi invece si devono legare – Tutti – dietro al collo?
Ora certo, è vero, i costumi taglia 54, quelli per mia nonna, non seguono questa regola.
Ma perché se tutto l’anno sono comoda portando delle meravigliose spalline, d’estate devo far ricadere tutto il peso delle mie tette sul collo?
Certo, sono sicura che tutte le piatte, chi porta a malapena una seconda e chi si è rifatta le tette non ha di questi problemi.
Certo, capisco anche che la moda ha deciso che dobbiamo portare tutte la 38.
Ma insomma la realtà è ben diversa dai manichini in vetrina (che sono stati evidentemente sottoposti a cura dimagrante negli ultimi anni).
Ora non so come dire ma io – anche nei miei momenti migliori, cioè quando ho sfiorato la 42 e nei miei momenti peggiori cioè quando ho superato la 46 – non ho mai avuto meno della quarta abbondante!
Ciò significa che non rientro nemmeno un po’ nello stile di bellezza acclamato da passerelle e manichini.
Magra, scheletrica e con le gambe storte (ecco al massimo le gambe storte, ma si notano poco grazie alla curve).
Capisco “le magre per natura” si… quelle che poi mangiano anche le pannocchie con coltello e forchetta… non mangiano il gelato o il cioccolato perché non gli piace… ma dai si chiamano disturbi alimentari quelli… come fa a non piacerti il cioccolato!
Ma comunque torniamo a noi abbondanti di seno ma non per forza una XXXXL di culo: l’estate è una tortura a cui il capitalismo ha deciso di sottoporci tramite un immagine femminile inarrivabile.
Quindi fioccano shorts giro culo, magliette senza bretelle, vestitini che non sai mai se definire magliette un po’ lunghe o effettivamente vestiti. Svanisce tutto ciò che è indossabile e rimangono solo piccoli straccetti bianchi, o vestiti a fiori che non faresti indossare nemmeno alla tua peggior nemica!
Ok, vi odio perché potete comprare i costumi a qualsiasi bancarella, mentre io il primo giorno di saldi mi catapulto nei miei tre negozi per trovare il costume estivo, dato che sono gli unici dotati di elastico e di completi scomponibili.
Mi chiedo ma perché anche andare al mare deve diventare una tortura?
Cioè dai anche la spiaggia dei fattoni a Torvaianica ora è popolata da palestrati coatti e tatuati!
Così le nuove figure sociali del finanzacapitalismo sembrano più la Biscia e la GattaMorta che altro!
La Biscia: animale maschile, nonostante le apparenze (ceretta e slippino), è difficile da afferrare perché troppo unto dall’olio solare, che con determinazione continua a spruzzarsi tutto il giorno senza alcun problema sotto il sole di mezzogiorno.
La GattaMorta: è quella già abbronzata a febbraio, ma la sua particolarità – estiva come invernale – è quella di non dire mai un cazzo ma rimorchiare sempre tutti, mentre tu che hai parlato con tutti non rimorchi mai un cazzo.
La mia lotta anticapitalista contro i bikini anche quest’anno verrà portata avanti con grande coraggio e perseveranza, silenziosamente e senza più pianti isterici da adolescente in crisi, troverò qualcosa da indossare, orgogliosa di buchetti della cellulite e maniglie dell’amore.
Come ogni lotta so che non sarà solitaria e troverò le mie compagne sulla strada ed insieme costruiremo un fronte di liberazione più che nazionale contro immagini plastificate, modellini troppo magri e costumi inutilizzabili!
La libertà passa anche da qui: Fuck Bikini!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: