Posts tagged ‘cambiamenti’

ottobre 9, 2012

SaltaTempo

Non si può vivere senza tempo, eppure oggi è così che viviamo.
Riunioni, assemblee, lavoro, studio, birra…
non trovi tempo per pensare, per parlarti, per approfondire.
Corri perché ti è imposto e perché te lo imponi, se stai fermo hai la sensazione di perdere tempo.
Ma forse stare fermi non ci fa perdere tempo, ce ne regala di nuovo.
Non potremmo mai capire cos’è che ci fa stare male se non abbiamo tempo per pensarci.
E così la nostra insoddisfazione si trasforma in un malessere interiore,
un tarlo che ci frantuma il cervello,
ci inacidisce lo stomaco,
ci innervosisce,
ci strema…

Non ci piace quello che studiamo, come lo studiamo, dove lo studiamo.
Non ci piace il nostro lavoro, la nostra (non) paga,
non ci piace la disoccupazione, non ci piace il master.
Forse da soli non potremmo fare molto, ma abbandonarsi al puro flusso dell’abitudine,
quello sì ci distruggerà la vita.

Forse non riusciremo a cambiare tutta l’università,
ma possiamo cambiare il nostro piano di studi, i programmi e i libri che dobbiamo studiare,
organizzare seminari autogestiti, incontrare ed intrecciare nuovi ambiti disciplinari.
Possiamo incuriosirci ed innamorarci di nuovi libri, che ci serviranno sempre,
magari anche per qualche inutile esame.
Forse non possiamo distruggere il baronato e il clientelismo,
ma lo possiamo denunciare e collettivamente lo possiamo erodere e delegittimare.
Forse non possiamo eliminare il precariato o risolvere il problema della disoccupazione,
ma possiamo darci man forte, appoggiandoci, per evitare di sentirci soli di fronte ai migliaia di annunci fasulli,
possiamo costruirci una rete di sostegno non familistica e non ricattatoria.
Possiamo insegnarci a comprendere i contratti che firmiamo,
possiamo condividere i nostri contatti,
imparare a vivere e lavorare insieme.

Forse non avremo distrutto il capitalismo,
ma avremo smesso di imporci la competizione come stile di vita,
e magari avremo superato l’isolamento, l’insoddisfazione e la depressione che ne seguono…

In ogni caso a molti avremo evitato la perdita dei capelli a 30 anni.
E chissà che la crisi non si superi anche così!

Annunci
ottobre 7, 2012

28 anni

A 28 anni la mia bis-nonna aveva già 5 figli
a 28 anni mia madre lavorava già da 9 anni,
a 28 anni la mia vicina polacca era già venuta in Italia da sola e lavorava già da 10,
a 28 anni mio nonno aveva avuto già il primo infortunio sul lavoro,
a 28 anni mia nonna era emigrata negli Stati Uniti,
a 28 anni mia zia viveva sotto le bombe della guerra.

Io a 28 anni mi sono laureata e non ho un lavoro,
ho dei mezzi lavoretti, ho una mezza casa, ho un mezzo motorino (l’altro è rimasto sotto la macchina che mi è venuta addosso, e anche se ho ragione la mia assicurazione non mi vuole ripagare),
almeno il ragazzo ce l’ho… e se la devo dire tutta vale per uno e mezzo!

A 28 anni sogno ancora un mondo migliore,
dove la mia vita non venga regalata per appianare un debito pubblico che non ripagheremo finché non cambieremo le regole del gioco,
a 28 anni non mi sono arresa al cinismo, all’opportunismo, al menefreghismo e all’individualismo.
A 28 anni non ho un lavoro stabile e penso che forse non ne avrà mai uno, a 27 mi distruggevo per questo, a 29 forse avrò capito che il lavoro non è il fulcro della vita, magari a 30 avrò trovato un modo per guadagnare, riuscire a mantenermi ed avere una vita degna.

A 28 anni guardo alla vita con passione, si forse peggio di così c’è poco…
ma c’è un aria di cambiamento che inonda i nostri paesi, inebria le nostre vita e divampa i nostri corpi…
non bisogna resistere,
a 28 anni bisogna farsi travolgere.

giugno 15, 2012

Vivere nella crisi

Prendo il caffè e lo spread vola sopra i 500 punti,
compro il giornale con gli annunci di lavoro mentre varano la peggior riforma a riguardo,
mi concedo un cornetto per rincuorarmi mentre la Spagna riceve aiuti a fondo perduto per non far crollare il proprio sistema bancario,
sul tram la Grecia brucia, scendo e ci sono già le seconde elezioni,
vado a lezione mentre l’Irlanda tenta di non far scoppiare l’ennesima bolla immobiliare,
mi fumo una sigaretta mentre Obama dichiara che non c’è mai stata così tanta disoccupazione dalla Grande Depressione,
faccio il turno in biblioteca e scoppia la primavera araba,
mentre tento di trovare i libri l’Egitto non riesce a liberarsi dalla giunta militare,
provo a studiare e la Germania continua a parlare di austerity,
ci rinuncio, vado a fare l’aperitivo mentre migliaia di spagnoli occupano le piazze
basta torno a casa quando irrompe occupy wall street,
mi metto a letto ma migliaia di persone scendono in piazza contro tutto questo…
mi sa che non si può proprio dormire, né si può fare finta di avere una vita normale…
La crisi irrompe nelle nostre vite…

Ps: per lo meno la noia l’abbiamo lasciata ai momenti di prosperità

aprile 16, 2012

Cosa vorresti fare da grande?

O meglio come costruire una linea di fuga e perché

Oggi mi hanno chiesto per l’ennesima volta: ma tu cosa vorresti fare?
Per fortuna non hanno aggiunto da grande!
Penso che questo sia uno dei miei grandi problemi. Riuscire a fare un progetto chiaro è semplice di cosa mi piacerebbe veramente fare.
Non riesco a capire come comprendere veramente quello che mi piace, dato che di fronte a me non riesco a vedere altro che barriere, difficoltà e poco interesse nei miei confronti.
Da quando decidi cosa studiare all’università – se non prima – ti senti addosso questa pesantezza su come le tue scelte influenzeranno tutta la tua vita se non sono ben ponderate rispetto alla realtà dura e cruda che ci ritroviamo di fronte.
>>Vuoi studiare scienze politiche? E dopo cosa pensi di fare?
Ma siamo matti filosofia nel 2012!
Ah ma se fai ingegneria ci devi pensare bene, non è che cominci e dopo 3 anni lasci tutto a metà strada, e poi cosa faresti? Lo sai che è una professione da uomini!
Ah no lettere no, e non mi dire che vuoi fare la professoressa?
Interessante archeologia, peccato che non c’è mercato in Italia.
L’avvocato? Tuo padre fa l’avvocato?

La verità è che non ci sono carriere aperte in Italia, non ci sono progetti imprenditoriali su cui poter puntare, non esistono idee con gambe molto lunghe.
Ma soprattutto il mercato del lavoro, in questo caso incarnato dalle figure di orientamento – gli addetti dei centri per l’impiego come Porta Futuro, dei punti eurodesk, gli psicologi del lavoro del Soul della Sapienza – non fanno altro che scoraggiarti.
>>No, sul nostro portale non trovi offerte di lavoro per laureati, ma se vuoi facciamo i workshop su come scrivere un curriculum.
Vuoi un aiuto per trovare una borsa di mobilità all’estero? Secondo me la miglior ricerca è quella che puoi fare da sola su internet.
Vorresti fare un dottorato ma non viene poi ben visto dalle aziende italiane, perché diventeresti troppo formata.

L’ansia di trovare lavoro, la pressione della famiglia, l’angoscia della crisi, l’incapacità del sistema di orientamento al lavoro sia pubblico che privato, non fanno altro che spingerti: CERCA LAVORO, FAI UN CORSO DI SPECIALIZZAZIONE, UN TIROCINIO, UN MASTER, UNO STAGE…
Giri a vuoto spinta come una pallina all’interno di un flipper e alla fine ti spingi ancora di più in questo vortice infernale e ancora di più. Perché quando ti fermi, nei momenti vuoti del tuo stage, quando sei sovra pensiero nella lezione noiosissima del master, nei cinque minuti di pausa tra il tirocinio e il lavoretto che ti permette di arrotondare, allora è là che ti chiedi: MA PERCHE’?
Perché continuo a fare un master che non mi soddisfa, uno stage che non mi piace, un lavoretto che mi stressa e basta, perché continuo una ricerca ossessiva di una cosa che fino in fondo non so nemmeno cos’è?
Continuano a chiedermi cosa vorresti fare? Cosa ti piacerebbe fare? Cosa ti realizzerebbe veramente?
Io continuo a rispondere a queste domande con dei dati di realtà troppo evidenti: 75 milioni di giovani nel mondo cerca lavoro senza trovarlo, il 40% dei disoccupati mondiali è giovane, se sei giovane la possibilità di restare disoccupato è tre volte maggiore.
Ma la verità è che ho paura che i miei desideri non si possano realizzare, che vengano distrutti nello stesso momento in cui li esprimo.
Per questo abbiamo imparato a non svilupparli, a non farli divenire progetti tangibili e reali, così è più facile accettare lo stage nella speranza di…, fare il master così dopo…, fare un dottorato così poi…
Se i miei desideri rimangono soltanto dei sogni vivono in un altro mondo che non entra in contrasto con il mondo reale. Per questo ho deciso di allontanarmi dalla vita in cui mi ero incastrata. Ho deciso di far diventare quei cinque minuti un momento molto più lungo.

Perché in un mondo dove si vive senza desideri correndo dietro solo alla realtà non vale più la pena nemmeno di sognare.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: