Vi siete mai sentiti dall’altra parte? #2

Scrivo in risposta a questo piccolo trafiletto uscito sul Venerdì di Repubblica di cui non sapevo nulla finché non è stato letto casualmente da un’amica. Ma anche perché penso che il post “Vi siete mai sentiti dall’altra parte?” non si stato capito.

Eccoci i figli di un popolo di emigranti che non sa accogliere i suoi migranti e non sa ragionare sulla sua nuova emigrazione.
Sto facendo un tirocinio nel nord della Svezia, il 6 giugno porto ancora una giacca a vento, ma mi godo il sole tutto il giorno e tutta la notte!
Pensiamo che sia facile andare via dall’Italia come da qualsiasi altro paese dove hai tutta la tua vita?
Pensiamo che sia facile arrivare in un altro paese dove non si conosce nessuno?
Su questo voleva ragionare il post Vi siete mai sentiti dall’altra parte.
Eppure per noi italiani, europei ed occidentali è comunque facile, non abbiamo problemi con i documenti, con l’inglese più o meno ce la caviamo e siamo sempre ben accolti
Vi siete mai sentiti dall’atra parte? Sì, proprio noi che siamo sempre a casa, perché per poterci sentire a casa abbiamo distrutto culture e sterminato civiltà, vi siete mai sentiti spaesati?
Io poco e per pochi giorni, e i miti della Svezia da sfatare sono ben altri, come quelli sull’Italia.
Poi penso alla sorella di mia nonna emigrata in Canada, mai tornata indietro. Non ha mai guardato indietro, anche se ha custodito i suoi ricordi e la sua memoria gelosamente. Per loro, come per tanti altri ancora oggi, quando si decide di emigrare non si guarda più indietro, non si può, non è permesso.

Qui in Svezia l’inglese lo parlano tutti. Certo i corsi di svedese, almeno qui nel nord, non sono così facili da trovare come sembra (io sono anche arrivata ad aprile, mese non facile per trovare un corso), ma sì può sempre rimediare in altri modi. Considerando sempre che Lulea non è Stoccolma. Ma nemmeno una città sperduta tra le nevi, anzi: immaginate voi una città di 50,000 abitanti in Italia con un’università tecnologica che attira ricercatori da tutto il mondo, con un polo imprenditoriale che è riuscito ad attrare facebook, che installerà qui i suoi server, con una natura incontaminata e preservata come un gioiello, con una casa della cultura con attività quotidiane…
Ora che ho inserito una riga in più sul mio cv non se in Italia servirà a qualcosa, anzi ho paura proprio di no, mentre qui hanno tentato di valorizzare al massimo la mia presenza.
Ho scelto di uscire dall’Italia e di venire in Svezia per un paio di mesi.
È tutto semplice? Dove tutto è semplice? Penso all’Italia, a volte non le racconto tutte le verità italiane ai miei amici svedesi perché mi vergogno…

L’Italia, la Svezia sono la mia Europa, e la mia Europa è un campo di battaglia collettivo e personale. È dove devo battermi per la mia università contro il processo di bologna, è dove devo lottare per un welfare che non ho mai avuto – sperando che il riferimento sia la Svezia e non certo l’Italia, è dove devo rivendicare i miei diritti sul lavoro contro la precarietà dilagante.
La mia Europa è fatta della Svezia del nord come dell’Italia del sud, delle femministe ucraine come degli indigndos spagnoli, la mia Europa è tutta da ri-conquistare… anche perché ora è in mano a persone come Mario Draghi, che pensano di uscire dalla crisi lasciando liquidità illimitata alle banche.
La mia Europa è un crogiuolo di lingue dove, no, non basta sapere l’inglese.
La mia Europa è un limite personale da mettere sempre in gioco, per vedere come storie di iraniani con lauree svedesi parlano con sardi, francesi e austriaci strampalati, per far sentire a proprio agio una romana saccente e logorroica che non sopporta che le proprie parole vengano riportate senza chiedere e senza capire.
La mia Europa è fatta di frammenti, di fughe, di incontri… per questo i giornali non riescono a comprenderla. Siamo gli Erasmus, i vostri camerieri, i vostri stagisti, i dottorandi, i free-lance, i fotografi, gli attori, i tecnici… noi siamo già europei e anche più che europei, quindi sfatate prima i vostri miti e poi parlateci prima di scrivere di noi.

About these ads

One Comment to “Vi siete mai sentiti dall’altra parte? #2”

  1. Nessuno Stato è privo di problemi: il Paese delle meraviglie non esiste su questa Terra. In qualsiasi posto dovrai affrontare delle difficoltà, più o meno insomortabili.
    “Di là” non è tutto sempre bello, anzi.

    Ma questo non significa che non si debba provare a fare le valigie e ad andare via, almeno per un periodo.
    Bisogna provare a vedere cosa c’è al di là, uscire dal proprio guscio.

    Sentirsi spaesati per un po’, non capire cosa si mangia, i nomi delle strade, non conoscere nessuno…allontanarsi dall’Italia, da casa propria, dalla propria cerchia di relazioni – dove ci si sente protetti, al sicuro, e si è capaci di comprendere ciò che ci accade attorno – non è certamente un’impresa facile.
    Ci vuole coraggio, tolleranza per il diverso, capacità di non arrendersi di fronte alle nuove difficoltà che sicuramente troveremo in un Paese straniero…

    All’estero devi contare solo su te stesso. Ma questo ti permette di metterti alla prova. Devi spingerti oltre i tuoi limiti. E così riesci a capire chi sei veramente.

    Non è facile, ma ne vale la pena. Eccome.

    Buona fortuna in Svezia :)

Commenta questa storia precaria

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 823 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: